Le migliori App per velocizzare Android su smartphone

forux
12 Min Read
velocizzare Android t
velocizzare Android

Anche se con poco più di 200 euro oggi è possibile acquistare un nuovo smartphone Android di buon livello, a nessuno fa piacere cambiarlo ogni uno o due anni come vorrebbero i produttori. Eppure immancabilmente quando scade la garanzia, le prestazioni iniziano a essere meno brillanti e l’autonomia non regge nemmeno una giornata.

Secondo alcuni si tratta di una manovra dei produttori per costringerci a cambiare dispositivo, secondo noi invece è la mancanza di manutenzione che si fa sentire. Esattamente come accade con i computer infatti, l’accumularsi di app che magari non usiamo mai e di file inutili contribuisce al peggioramento delle prestazioni. L’ideale sarebbe formattare il telefono in modo da ritrovarselo come nuovo, ma a nessuno fa piacere ripristi- nare tutte le proprie app e i documenti. Meglio allora installare prima di tutto un’ app come CCleaner che si prende la briga di eliminare i file superflui. Saremo stupiti nello scoprire quanti GB di spazio sono riempiti da quelli che CCleaner definisce “Sicuri da pulire”.

Un altro responsabile del peggioramento delle prestazioni è il browser. Oggi il più usato è Chrome, che sarà anche veloce sui telefoni più recenti ma si rivela pesante per quelli che hanno qualche anno di vita alle spalle. Noi consigliamo di provare Opera Mini che, oltre ad essere leggero, consente di eliminare tutte quelle pubblicistiche appesantiscono il sistema. Anche il launcher, cioè l’interfaccia grafica, ha le sue responsabilità nel peggioramento della reattività e in questo caso consigliamo di provare Nova Launcher che non per niente è stato già scaricato oltre 50 milioni di volte. Altri possibili guastatori delle prestazioni sono i virus e gli adware, cioè quei video pubblicitari che continuano ad apparire in continuazione. Potremmo avere scaricato un malware semplicemente aprendo un link ricevuto per e-mail o scaricando un’app pirata. Per questo è consigliabile provare un’app dedicata come Hi Security 2019. Infine, non dimentichiamo di controllare le condizioni della batteria con un’app come Accubattery!

Opera mini

Uno dei browser più leggeri, va bene anche per i dispositivi meno recenti e permette di eliminare la pubblicità.

Tra le applicazioni, quella che viene usata maggiormente sugli smartphone Android e iOS è il browser. Come avviene sui PC, può capitare che dopo un po’ che lo si usa diventi meno reattivo e soprattutto che ci riempia di pubblicità non richiesta. Un fatto che oltre ad essere fastidioso rallenta il telefono e consuma dati preziosi. Opera Mini è uno dei browser più leggeri in circolazione. Lo possiamo scaricare gratuitamente dallo store di Android e iOS e integra come impostazione predefinita il blocco degli annunci pubblicitari. Il vero punto di forza di Opera Mini è però la velocità con cui apre i siti.

Grazie a una particolare tecnologia di compressione vengono ridotti i tempi di caricamento. Opera Mini riesce a ottimizzare video, testi e immagini, riuscendo allo stesso tempo a consumare meno dati quando navighiamo con la rete del nostro operatore. Il fatto che sia leggero non significa che abbia meno funzioni rispetto a Chrome, Safari e ai browser installati dal produttore del nostro smartphone.

È anche possibile salvare le pagine per rivederle in seguito quando non avremo una connessione Internet. L’unico vero limite consiste nella mancanza di una modalità Desktop e questo potrebbe influenzare la visualizzazione di alcuni siti Internet.

CCleaner

I file che si accumulano nei dispositivi Android alla lunga li rallentano, cancelliamoli in pochi tap senza fare fatica!

CCleaner è uno dei migliori programmi per l’ottimizzazione dei computer con Windows in quanto riesce a eliminare velocemente tutti i file inutili che si accumulano inesorabilmente con il tempo. Con Android succede la stessa cosa, almeno una volta al mese infatti è consigliabile fare un po’ di pulizia sul nostro dispositivo se non vogliamo che le prestazioni inizino a rallentare. Mentre Apple per motivi di sicurezza non permette l’utilizzo di queste app, nello store di Android è possibile trovarne veramente tante. Anche in questo caso però è bene stare attenti a cosa si scarica, in quanto alcune app non sono altro che

accumulatori di pubblicità e a volte possono installare adware, cioè annunci invadenti che appaiono anche quando non si usa l’app. CCleaner è invece sicuro e facile da usare, basta fare tap su Analizza per visualizzare in pochi secondi un elenco di file “sicuri da pulire”, che sono nella maggior parte dei casi cache di sistema e simili.

Tra i file che l’app definisce “Da valutare” ci sono le immagini e i video scaricati da WhatsApp o altri social e i documenti più pesanti presenti nello smartphone. CCleaner si ripaga con la pubblicità che non è comunque eccessiva Nel caso la volessimo eliminare completamente potremo acquistare la versione Pro al costo di 6,50 euro.

Nova Launcher

Per rendere più leggero e reattivo un vecchio smartphone Android cambiamo subito il launcher

iLauncher costituiscono l’interfaccia grafica e quindi il vero e proprio centro di controllo degli smartphone Android. Praticamente ogni produttore ha un proprio modello personalizzato, che però in alcuni casi può rivelarsi troppo pesante e rallentare le transizioni e anche l’apertura delle applicazioni. Fortunatamente è facile installare un nuovo launcher più leggero come Nova Launcher, che non per niente è in assoluto il più usato, essendo stato scaricato oltre 50 milioni di volte. Funziona con tutte le versioni di Android, persino quelle meno recenti, e può essere personalizzato molto facilmente. Una volta scaricato dal Play Store e avviato, dovremo selezionarlo come app predefinita e quindi scegliere il tema e il tipo di icone e transizioni che vogliamo attivare. Pur se leggero consente di scegliere tra centinaia di icone e in pochi tap è possibile impostare margini, dimensioni e colori del font.

Potremo anche aumentare il numero di icone mostrate e scegliere dei gesti su misura per aprire o chiudere più velocemente menu e singole applicazioni.

Gran parte delle funzioni sono presenti nella versione Free, ci sono però alcuni effetti speciali, come quelli che rendono invisibili interi gruppi di applicazioni, che richiedono l’acquisto, pari a 4,50 euro.

Hi Security

Un’unica app per proteggere lo smartphone Android dai virus, migliorare le prestazioni e ottimizzare la batteria

Le ragioni per cui uno smartphone Android anche se con pochi mesi di vita, inizia a perdere colpi possono essere moltissime.
Nella maggior parte dei casi però la responsabilità va alle tante applicazioni aperte contemporaneamente, ai file inutili che riempiono la memoria e magari anche a qualche virus o adware che ci siamo beccati navigando su siti pirata o installando app corrotte.

Hi Security 2019 in un’unica applicazione racchiude gli strumenti necessari per risolvere una buona parte di questi problemi, offrendo una protezione in tempo reale dai virus e dai siti web pirata.

Per prima cosa dovremo effettuare una scansione del dispositivo in modo da sa- pere se nel nostro telefono ci sono virus o file sospetti. In questo caso dovremo disinstallare l’applicazione responsabile.

Va eseguito anche un controllo della rete Wi-Fi a cui siamo collegati per vedere che non ci siano estranei collegati che ci spiano o consumano la nostra banda. Quindi facendo tap su Booster potremo controllare l’utilizzo della memoria da parte delle applicazioni che funzionano in background e chiudere quelle che non servono.

Le sezioni Junk Cleaner e Batteria Super rimandano invece al Play Store e richiedono l’installazione di altre applicazioni dello stesso sviluppatore.

Greenify

Uno strumento in grado di ibernare le app che non stiamo usando per migliorare le prestazioni e ridurre i consumi.

Se abbiamo uno smartphone Android con qualche anno di vita, avremo probabilmente anche un processore poco potente e poca memoria RAM a disposizione. La RAM è la memoria usata dal sistema per gestire le applicazioni installate sul telefono, sia quelle che stiamo usando che quelle non attive.

Le ultime versioni di Android utilizzano nuovi sistemi di gestione delle app “dormienti”, ma non tutti hanno potuto aggiornare Android all’ultima distribuzione, magari semplicemente perché il produttore non ha fornito l’aggiornamento. Un’applicazione come Greenify, anche se originariamente rivolta a un pubblico di esperti, può aiutare a risolvere il problema.

L’ultima versione infatti non richiede più i privilegi di root, cioè il telefono non deve essere sbloccato, e può essere usata su qualsiasi terminale.
In pratica dovremo scegliere quali applicazioni, tra quelle presenti sullo smartphone, ibernare in modo che non consumino preziosa energia quando non le stiamo usando.
È chiaro che non potremo ibernare WhatsApp o Facebook se vogliamo che continuino a inviarci notifiche, ma potremo farlo senza problemi con giochi o altre app che usiamo poco.
Per mettere a nanna il programma basta selezionarlo e fare tap sul pulsante zzz, per svegliarlo basta solo avviarlo.

Accubattery

Allunghiamo la vita della nostra batteria e quindi del telefono grazie
a frequenti controlli accurati

La batteria è una delle componenti più importanti di qualsiasi dispositivo elettronico. Purtroppo è normale che con il tempo si deteriori e che a distanza di un paio d’anni arrivi a perdere fino alla metà della sua capacità originale. Quello che molti però non immaginano è che una batteria in cattive condizioni può compromettere anche le prestazioni più complessive del dispositivo.

Un’applicazione come Accubattery prima di tutto stima le condizioni attuali della batteria e ci permette di conoscerne la capacità residua, quindi imposta delle notifiche per evitare che arriviamo a caricarla o a scaricarla completamente, entrambe azioni molto dannose per la salute della batteria. Facendo tap sulla voce Salute visualizzeremo la percentuale di capacità rimasta rispetto a quando era nuova. Se dopo un paio di anni di utilizzo fosse inferiore al 50% converrà probabilmente sostituirla.

Per conservare più a lungo la batteria è importante non consumarla né caricarla completamente, per questo l’applicazione consiglia di impostare una notifica quando la carica arriva all’80% e la scarica al 20%. Rimanendo in questa fascia aumenteremo la vita della nostra batteria anche del doppio. L’applicazione è gratuita, ma esiste la versione Pro che per 2,62 euro oltre a togliere la pubblicità attiva anche un widget.

Share This Article
Leave a comment
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments