Scaricare i Torrent più velocemente con qBittorrent

Trucchi che (forse) non conosci per mettere il turbo ai tuoi download.

admin
8 Min Read

Spesso capita che il download dei torrent non sia esattamente velo- ce come ci aspetteremmo o augu- reremmo. Nel caso ti trovasi in questa situazione non temere: in questa guida vedremo tutti metodi per velocizzare il download con qBittorent. qBittorrent è il client torrent che usiamo spesso in redazione in quanto libero, gratuito e multipiattaforma. Se non lo hai ancora installato, farlo è davvero semplice: se hai un sistema desktop ti basta andare su https://www.qbittorrent.org/download, scaricare l’eseguibile adatto al tuo sistema quindi a download completato, cliccarci su e seguire la procedura guidata (non presenta trappole e non cerca di installare software inutile).

Come scaricare più velocemente con qBittorrent

Possiamo quindi procedere con i trucchi e le impostazioni per scaricare più velocemente con qBittorrent.

Verifica la tua rete

Prima di cercare tecniche per velocizza- re i tuoi download, dovresti assicurarti di controllare se il limite non sia la tua connessione a Internet. Per farlo ti con- sigliamo di fare uno speedtest sfruttando la funzione del sito https://www.speedtest. net/it.

In generale i suggerimenti sono:

• Assicuratidiavereunaconnessione di rete tramite Fibra, almeno FTTC. Se ti connetti tramite ADSL le prestazioni saranno buone ma non al top.

• Se possibile connettiti al tuo router tramite cavo LAN; la connessione cablata è costitutivamente più rapida di quella Wi-Fi e non va incontro a fenomeni di degradazione del segnale o congestione di rete.

• Se non è possibile, cerca di avvicinare il tuo router al PC e di scegliere la connessione Wireless a 5 GHz che è mediamente più veloce, ma degrada più rapidamente con la distanza e gli ostacoli.

Evita i blocchi del tuo provider

Il provider è colui che tu paghi per fornirti la connessione a Internet – in Italia è detto anche operatore. Gli operatori, furbescamente, spesso limitano le velocità di download dei propri clienti quando questi fanno condivisione P2P. La ragione, dal loro punto di vista, sarebbe garantire le migliori prestazioni di Rete a tutti gli utenti. In realtà è probabilmente una mera tattica per ostacolare il file sharing. Fortunatamente, c’è un modo per aggirare la limitazione: utilizzare una VPN. Un servizio VPN per sua natura cripta tutto il traffico che transita attraverso di essa, impedendo così all’operatore di capire cosa transita attraverso la Rete e di attivare i fastidiosi filtri.

Evita i blocchi DNS

Cambiando DNS, non solo si può accedere più facilmente ai torrent tracker evitando i blocchi presenti in Italia, ma si posso- no reperire più facilmente file e risorse che stai cercando, ottenendo velocità di download più elevate. Con DNS corretti, il client riesce a raggiungere correttamente più tracker indicati nei torrent e così a connettersi a più Seeds e Leechers (sotto spiegheremo nel dettaglio cosa significano questi due termini).

Imposta limiti di velocità in modo corretto su qBittorrent

Molte guide consigliano di limitare la velocità di upload, per evitare di saturare la rete LAN e avere prestazioni miglio- ri. Questo è un buon consiglio solo sulle vecchie reti ADSL; se sei su connessione ADSL, impostare una velocità di Upload non superiore ai 200 KB, potrebbe essere utile. Per coloro che sono connessi ad una rete moderna ad alta velocità – fibra, fibra misto rame o fixed wireless access – è consigliabile mettere una velocità di upload infinita, in quanto il rischio di saturare la linea è remoto e si rischia invece di incappare in una limitazione della velocità di download da parte di qBittorrent, perché si effettua l’upload per troppo poco.Questa limitazione è normale: ricorda che torrent è un protocollo P2P, quindi è importante che ogni utente ricondivi- da ciò che ha scaricato. Normalmente, se hai installato qBittorrent e non hai modificato i parametri, ti troverai con download e upload impostati su infinito (). Per verificare che questi parametri non siano stati modificati ti basta aprire la finestra di qBittorrent e cliccare in basso a destra sulla freccia verso l’alto (o su quella verso il basso). Si aprirà la finestra di dia- logo dedicata all’impostazione dei limiti di velocità. Nella sezione Limiti velocità porta le due barre tutte a sinistra finché non vedrai spuntare il simbolo di infinito (∞). Concludi cliccando su OK.

Scegli un torrent di buona qualità

La qualità di un torrent è di importanza critica per la velocità di download che riuscirai a raggiungere. Un file torrent di qualità ha tanti seed e un rapporto fra seed e leech favorevole (almeno di 2 a 1). I seed sono coloro che possiedono il file completo e lo stanno condividendo, i leech sono coloro che lo stanno scaricando. In ogni torrent accanto al nome del file, troverai due numeri. Uno di solito sotto la colonna S, o Seeds, o Seeders e uno sotto la colonna LLeech. Si tratta dei valori di cui abbiamo parlato e a cui dovrai fare attenzione.

L’importanza delle impostazioni sulla privacy 

Alcune opzioni nella sezione privacy delle impostazioni del client torrent hanno un impatto diretto e importante sulla velocità di download. Quindi, apri la finestra di qBittorrent e nella barra in alto, clicca su Strumenti. Fai clic su Impostazioni, quindi su BitTorrent e nella sezione Privacy, assicurati che le caselle Abilita DHT (rete decentralizzata), Abilita Scambio Peer (PeX) e Abilita Scoperta Peer Locale siano spuntate. Queste funzioni aumentano il numero di fonti torrent e migliorano la stabilità dei download. Nel menu a discesa accanto alla voce Modalità di crittografia, seleziona Consenti crittografia. Disabilita la Coda Torrent e i Limiti di seeding se sono abilitati.

Aggiungere una tracker list

L’aggiunta dei link di una tracker list ai torrent, consente al client di cercare nodi a cui connettersi in mo- do più efficace, permettendo maggiori velocità di download. Non è semplice trovare liste di tracker aggiornate, noi in redazione finora ci siamo trovati bene con la tracker list su github che trovi su https://github.com/ngosang/trackerslist. Se dovesse smettere di funzionare, ricorda che Google è tuo amico e ti basterà cercare “tracker list” (tra virgolette) e dopo aver spulciato qualche risultato dovresti riuscire a trovare un valido rimpiazzo. Per utilizzare una tracker list su qBittorrent:

• Aprilatrackerlisteabbicuradicopiare tutti i link presenti (la combinazione da tastiera Ctrl + A ti potrebbe essere utile.

• Apri qBittorrent.
• Nella barra in alto clicca su Strumenti, sulla voce Impostazioni quindi premi BitTorrent.
• Qui metti la spunta sulla voce Aggiungi automaticamente questi server traccia ai nuovi download.
• Incolla la lista e clicca sul tasto Ok.

Share This Article
Leave a comment
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments